Ariete

«Chi non fa alcuna distinzione tra amico e nemico, onore e disonore, sapendo che Brahman è completo in se stesso, diventa supremamente felice» (Vijñāna Bhairava Tantra, 125, Dhāranā sull’equità).

Attenzione alle baruffe! 

Non è un mese facile per l’Ariete. L’opposizione del Sole e, a inizio mese, anche di Mercurio, fanno sembrare che gli altri pongano ostacoli ai progetti e alle idee che l’Ariete si era costruito negli ultimi mesi. La quadratura di Saturno e Plutone rendono l’Ariete, già spirito ribelle, ancora meno tollerante verso le autorità e a rischio di sfoghi psicosomatici per lo stress che subisce. 

Una delle definizioni più famose dello yoga viene dalla Bhagavad-Gita, testo sacro indiano, e insegna che lo yoga è samatva, ovvero equanimità. Rimanere imperturbabili di fronte alle  esperienze, piacevoli o spiacevoli che siano, è una delle virtù più difficili da imparare. D’altronde la si acquisisce solo dopo aver capito che ogni evento nella vita può avere un risvolto utile per la propria crescita. 

Allora Ariete, prendi questo periodo come banco di prova e ringrazia ogni oppositore perché ti fa capire il valore che tu stesso dai a ciò in cui credi.  Lavora sull’equanimità con questa breve sequenza: 

Trikona-āsana, posizione del triangolo. Una posizione armoniosa e da bilanciare su un lato e sull’altro. Un esempio di equilibrio e stabilità. Dà il senso della base, ma porta dinamismo con misura e attenzione. // 1 -2 min. per lato.

Vriksha-āsana, posizione dell’albero. Un modo per riportare la calma e l’equilibrio interiore. // 1 min. per lato.

Anuloma-Viloma prānāyāma, letteralmente respiro naturale-innaturale, detto anche nādī-śuddhi o nādī-śodhana, ovvero purificazione dei canali.  Questa tecnica aiuta ad equilibrare il corpo in tutti i suoi aspetti: dal metabolismo al sistema nervoso, dalla circolazione alla respirazione. Cerca di espirare nel doppio del tempo dell’inspiro! // Da 3 a 10 min.

TEMPO TOTALE: da 7 a 16 minuti.

MANTRA del MESE: «So ham».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTENZIONE: le singole tecniche possono presentare controindicazioni. Informarsi adeguatamente prima di eseguirle. Chiedere al proprio insegnante per la corretta esecuzione. I tempi consigliati sono indicativi, adeguare sempre la pratica ai propri tempi e limiti. Non forzare mai, le posizioni devono essere comode e stabili! Per qualsiasi dubbio lascia un commento qua sotto!