Gemelli

«Chi medita incessantemente sul loto del cuore è desiderato dalle belle donne divine, presa da passione per lui. Egli ottime una scienza incomparabile relativa al passato, al presente e al futuro, la chiaroveggenza, la chiaroudienza e la possibilità di muoversi a piacere nell’aria» (Śiva-Samhitā, V.85-86).

Ascolta il cuore!

I Gemelli in novembre vedono opposto proprio il loro governatore, Mercurio. Questo forse li manderà un po’ in crisi, abituati come sono alla comunicazione facile. La quadratura di Nettuno crea ancora più confusione. Nella prima metà del mese può essere un’occasione per ascoltare l’istinto e il cuore visto che Marte e Venere sono amici. I problemi aumentano, forse più nella sfera del lavoro, nella seconda metà del mese, quando Mercurio non solo è opposto, ma va anche retrogrado e Giove e Marte si mettono in posizione ostile. 

Il chakra anāhata è il centro energetico posto nel torace e per questo detto anche hrdayachakra, chakra del cuore. Anāhata significa “suono incausato”. Meditando su questo punto, gli yogin percepiscono il suono interiore, quello che è causato senza che due oggetti urtino tra di loro. Questo chakra è legato al vento, all’aria e al tatto. Lavorando su questo chakra si sviluppa il tatto nella senso fisico, ma anche psicologico, poiché si sviluppa compassione e empatia. Meditando sul chakra del cuore si ottengono comprensione e conoscenza su un piano diverso da quello intellettuale. 

Non divenire arrogante, Gemelli, e cerca di capire che non tutto, non sempre, si può risolvere con l’intelletto.

Sviluppa la pazienza e l’empatia con questa pratica: 

Setubandha-āsana, posizione del ponte. Apri il cuore e getta un ponte verso gli altri. // 1-2 min.

Mālā-āsana, posizione della ghirlanda. Raccogli le energie e impara la pazienza. // 1-2 min.

Mauna, silenzio rituale. Non devi stare necessariamente in una posizione meditativa. Puoi fare questo esercizio in qualsiasi momento della giornata. Consiglio al mattino appena alzati. Prenditi dieci minuti per ascoltare: il rumore dell’acqua mentre ti lavi la faccia, il tintinnio delle tazzine quando ne prendi una per farti il caffè, la porta del frigo che si apre e così via… ascolta ogni minimo suono e ti accorgerai che in tutti quei piccoli rumori, troverai un silenzio meraviglioso, il silenzio della mente. Esercita l’ascolto. // 10 min. 

TEMPO TOTALE: da 12 a 14 minuti.

MANTRA del MESE: «Yam».

 

 

 

 

 

 

ATTENZIONE: le singole tecniche possono presentare controindicazioni. Informarsi adeguatamente prima di eseguirle. Chiedere al proprio insegnante per la corretta esecuzione. I tempi consigliati sono indicativi, adeguare sempre la pratica ai propri tempi e limiti. Non forzare mai, le posizioni devono essere comode e stabili! Per qualsiasi dubbio lascia un commento qua sotto!