Pesci

Prasanna-cetasa – colui che ha la mente felice 

«Nella serenità tutti i dolori si annientano, perché il giudizio di un pensiero pacificato trova subito stabilità» (Bhagavad – gītā, 2.65). 

Ti avevo già proposto questo verso parecchi mesi fa, Pesci, lo scorso aprile. Allora mi raccomandavo che tu usassi la buddhi, il tuo intelletto raziocinante (il giudizio del pensiero pacificato) per trovare stabilità. Ora è forse è un po’ più facile mantenere la mente stabile, perché dovresti ritrovare ottimismo e serenità appunto.

Come ti dicevo il mese scorso hai ancora tanto da fare. Lo stress da attività frenetiche ci sarà ancora, ma qualcosa dentro di te è cambiato. Grazie a un Marte in congiunzione riesci ad affrontare tutto con più ottimismo e serenità. Forse riesci a capire gli errori del passato e quindi indirizzarti subito verso una strada più appropriata. Allora, nonostante la stanchezza, potrai provare a te stesso che ciò che stai facendo è valido e giusto per te.

IN PRATICA  

Marichi-āsana, torsione del saggio Marichi

Guardati intorno, rimani a petto aperto e schiena allungata. Nella calma, vai e fai! Pratica questa posizione come stimolo quante più volte puoi questo mese.   

Esercizio di consapevolezza 

Cerca serenità ogni momento che puoi questo mese. Ricordatelo con un respiro. Ogni minuto libero, ogni momento di attesa, per ogni pensiero negativo, ma anche per ogni pensiero positivo, prendi un lungo profondo respiro, espira con soddisfazione e calma.

Mantra del mese 

«Ben disposto».