Acquario

Gati – moto

«(Esercitando il samyama) sulla stella polare, (si ottiene) la conoscenza dei moti (delle stelle)» (Yoga-sūtra, 3.29).

Nella grammatica indiana la parola gati indica il movimento, ossia l’allungarsi di una sillaba. Sempre nella grammatica è usata nel senso di “comprensione”, “realizzazione”. Nel jyotisha (astronomia e astrologia) è il termine proprio che si usa per il moto dei pianeti. In generale gati è il movimento, lo spostarsi, l’andare avanti. 

Le cose che vuoi fare sono tante,  Acquario, ma ancora ti porti dietro qualche dubbio sulla loro validità. Continua per la tua strada ponderando tutto con attenzione in modo da non sprecare energie e vedrai che già da metà del mese comincerai a vedere se non i frutti, almeno il movimento che le tue azioni cominciano a creare. Se ti concentri su quello che accade, avrai “la conoscenza dei moti” e finalmente qualcosa che ti porti dietro da tanto tanto tempo, qualcosa di karmico forse, comincerà trovare la sua risoluzione. 

IN PRATICA  

Ardha chandra-āsana, posizione della mezza luna

Visto che parliamo di pianeti, ricorda il ciclo continuo della luna. Pratica questa posizione ogni giorno per un minuto per lato.   

Esercizio di consapevolezza

Alla fine di ogni settimana prenditi cinque minuti seduto. Osserva la stanchezza che provi e osserva quello che hai fatto durante la settimana.   

Mantra del mese 

«Continuo con misura»