Gemelli

Akasha – spazio

«In questo stesso corpo, nella mente piena di Sattva, nella camera segreta dell’intelletto, nell’Akasha conosciuto come il Non Manifestato, l’Ātman, di incantevole splendore, brilla come il sole in alto, manifestando questo universo attraverso il Suo stesso fulgore»  (Vivekachudamani, 132).

L’akasha è l’etere, lo spazio e si riferisce sia a uno spazio fisico come troviamo nell’architettura vedica (vastushastra) sia a uno spazio cosmico, infinito, spirituale. Nello spazio infinito che è dentro di noi al di là del corpo fisico, della mente e dell’intelletto, possiamo trovare l’Ātman, quello spirito che è uno con lo spirito dell’universo. 

È un periodo piacevole che ti permette di recuperare il lato più intimista di te: spazio per le relazioni, spazio per i tuoi interessi personali, spazio per le riflessioni. Forse non hai ancora chiara la strada per il prossimo futuro e questo perché ci sono dei nodi che devi ancora risolvere. Quindi lascia passare quel senso di scoraggiamento che arriverà verso fine mese, è passeggero e ti serve probabilmente solo come ulteriore indizio per capire quali scelte fare. 

IN PRATICA  

Akashi-mudrā, gesto dello spazio (o sguardo al cielo)

Chiudi gli occhi. Piega la lingua indietro contro il palato, contemporaneamente piega la testa indietro di circa 45°.Raddrizza le braccia e blocca i gomiti, premendo le mani contro le ginocchia. Fai convergere gli occhi nel punto tra le sopracciglia. Respira profondamente in ujjayi per un paio di minuti. Se avverti capogiro, interrompi subito.

Esercizio di consapevolezza 

Di fronte a ogni situazione, guardati dentro? Puoi lasciare spazio a quello che accade e alle sue conseguenze?   

Mantra del mese

«Spazio dentro di me»